ROMA – La Roma interrompe la lunga striscia di vittorie (11) in campionato della Lazio ma non gioisce. Come era accaduto all’andata, a parti invertite, l’1-1 nel derby stavolta le sta decisamente stretto. Alla squadra di Fonseca non è bastato fare la partita per tutti i 90′: una papera di Lopez e tante buone occasioni non capitalizzate le hanno impedito di portare a casa un successo che le avrebbe consentito di tenere a distanza l’Atalanta, da stasera solo a -1 dal 4° posto. La Lazio ha ottenuto quanto, probabilmente, si era prefissa alla vigilia. Ha portato a casa un punto che magari serve poco nella corsa scudetto ma che è decisamente d’oro in ottica Champions.

Fonseca esclude Florenzi e Kolarov

Fonseca ha sorpreso tutti escludendo in extremis Florenzi e Kolarov. Per cui sulle fasce ha riproposto la coppia di una settimana fa a Marassi, Santon-Spinazzola, inserendo Cristante a centrocampo accanto a Veretout, stante il forfait per infortunio di Diawara. Sul fronte opposto Inzaghi è andato sul sicuro, visti i rientri di Luiz Felipe e Lulic e i recuperi di Luis Alberto e Correa. Per cui, di fatto, ha riproposto la formazione tipo facendo riaccomodare in panchina Caicedo.

Strakosha esce a vuoto, Dzeko fa 1-0

La Lazio ha deciso di aspettare gli avversari lasciando loro l’iniziativa. La Roma ha gestito palla con ordine ma ha faticato a creare azioni pericolose. Almeno fino al 26′ quando è passata, complice un errore di Strakosha: il portiere biancoceleste è uscito a vuoto su un lancio in area di Cristante, consentendo a Dzeko di batterlo con un morbido tocco di nuca. La formazione di Inzaghi ha subito il colpo ma la Roma non ne ha approfittato mancando prima con Under (sinistro respinto da Strakosha) e poi per due volte con Dzeko (destro deviato in angolo da Radu e colpo di testa di poco oltre la traversa) la palla del 2-0.

Papera di Lopez, Acerbi pareggia. Palo di Pellegrini

La Lazio ha ringraziato e alla prima occasione ha pareggiato, grazie a un pasticcio di Pau Lopez. Il portiere spagnolo, sugli sviluppi di un angolo, non ha gestito un colpo di testa a campanile di Santon: per due volte coi pugni non è riuscito a rimetterlo oltre la traversa e ha consentito ad Acerbi, appostato sulla linea di porta, di deviarlo in rete. La Roma ha ripreso in mano il match e ha chiuso il primo tempo colpendo un palo esterno con un gran destro da fuori di Pellegrini.

Dzeko manca il 2-1

Inzaghi ha iniziato la ripresa lasciando negli spogliatoi uno dei migliori in campo, Luis Felipe, già ammonito e ha rischiato grosso. Un contatto tra il neo-entrato Patric e Kluivert, infatti, è stato inizialmente giudicato da rigore da Calvarese che, al Var, poi si è giustamente corretto. La Roma, che poco prima aveva sfiorato il 2-1 con un sinistro di Veretout, ha continuato a menare le danze ma non è riuscita a trovare l’acuto vincente. Le migliori occasioni sono capitate a Dzeko che per tre volte ha calciato centralmente dando a Strakosha la possibilità di riscattare l’errore nel primo tempo. La Lazio ha controllato e all’89’ per poco non ha confezionato la beffa: un tiro dal limite di Milinkovic-Savic, smarcato di Immobile, è terminato di poco a lato. Giusto così, una sconfitta per la Roma sarebbe stata davvero troppo.

ROMA-LAZIO 1-1 (1-1)
Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Santon (38′ st Kolarov), Mancini, Smalling, Spinazzola; Veretoutm(45′ st Pastore), Cristante; Under, Pellegrini, Kluivert (36′ st Perotti); Dzeko (63 Fuzato, 83 Mirante, 5 Juan Jesus, 15 Cetin, 19 Kalinic, 20 Fazio, 24 Florenzi, 33 Bruno Peres). All. Fonseca.

Lazio (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe (1′ st Patric), Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Luis Alberto (26′ st Parolo), Lulic; Correa (30′ st Caicedo), Immobile (24 Proto, 23 Guerrieri, 15 Bastos, 93 Vavro. 8 D. Andreson, 58 Minala, 7 Berisha, 22 Jony, 34 Adekanye). All.: S. Inzaghi.
Arbitro: Calvarese di Teramo.
Reti: nel pt 26′ Dzeko, 34′ Acerbi.
Angoli: 7-1.
Recupero: 0 e 4′.
Ammoniti: Nuno Campos (staff Roma) e Immobile per proteste, Luis Felipe per gioco pericoloso, Dzeko, Milinkovic, Lulic e Kolarov per gioco falloso.
Spettatori: 59.902 incasso 2.638.496 euro